giovedì 14 giugno 2018

CROSTATINE ALLA CREMA DI FRAGOLE



la stagione delle fragole, che amo molto mangiare semplicemente con un poco di zucchero e limone, sta entrando nel vivo.

A volte però le fragole sono molto delicate e tendono ad ammaccarsi in fretta, ma si possono recuperare facendo una bella crema leggera e buonissima che si può gustare semplicemente raffreddata nelle coppette e servita con un ciuffetto di panna montata.

Ho voluto provarla anche per farcire delle piccole crostatine fatte con una frolla alla panna e devo dire che anche così è buonissima.





INGREDIENTI
(per 12 crostatine)

Per la pasta:
-220 g di farina bianca 0
-50 g di farina di mandorle
-80 ml di panna
-50 g di burro
-1 uovo
-90 g di zucchero
-1 pizzico di sale
-la punta di un cucchiaino di lievito

Impastare velocemente tutti gli ingredienti in planetaria oppure a mano in una ciotola il tempo necessario per formare un impasto omogeneo.

Avvolgere nella pellicola alimentare e conservare in frigorifero per almeno 1 ora (io l’ho preparata il giorno prima).

Per la crema:
-300 g di fragole
-2 cucchiai di zucchero
-1 cucchiaio di amido di mais
-il succo di mezzo limone

Mettere il tutto in un mixer a frullare fino ad avere una crema omogenea.

Far cuocere in un pentolino a fuoco basso fino a quando la crema si sarà addensata.

Lasciare raffreddare la crema.

Accendere il forno a 170°.

Preparare una teglia per muffins con i relativi pirottini di carta.

Togliere la pasta dal frigorifero e tagliarla a fettine e realizzare con l’aiuto di un mattarello dei cerchi con i quali foderare i pirottini di carta (oppure fate con l’impasto una pallina e poi schiacciarla a cerchio e modellatela dei pirottini di carta).




Versare nel guscio di pasta 2 cucchiai di crema di fragole.




Prendere la pasta rimanente e sbriciolatela grossolonamente con le mani e coprire con queste briciole le vostre crostatine.




Spolverate con un pizzico di zucchero e cuocere per 15 minuti o fino a quando la pasta sarà bella dorata.




Togliere dal forno e aspettare 10 minuti prima di togliere le vostre costatine dalla teglia.

Gustare a colazione o a merenda con un buon tè o caffè.



lunedì 11 giugno 2018

BICCHIERINI DI CAPRINO E GELATINA BLOODY MARY



I formaggi freschi sono l’ingrediente di oggi per  Light and Tasty.

Dal gusto morbido e vellutato piacciono a grandi e piccini, hanno una maturazione rapida di soli 2-3 giorni, e sono altamente digeribili.

Ricchi di calcio, fosforo, vitamina A e del gruppo B hanno un gusto delicato con pasta cremosa e spalmabile.

Per questa proposta ho usato un caprino di latte vaccino, senza lattosio.



 
INGREDIENTI
(per 4 persone)

-160 g di caprino di latte vaccino senza lattosio
-1/2 foglio di gelatina
-sale e pepe

-250 ml di passata di pomodoro densa (io ho usato quella fatta in casa)
-1 cucchiaino di concentrato di pomodoro
-1 cucchiaio di Vodka
-qualche goccia di Tabasco
-qualche goccia di salsa Worchester
-qualche goccia di limone
-sale e pepe
-1 foglio e ½ di gelatina
-foglie di basilico,  pomodorini e qualche pezzetto di crackers per decorare
 

  
Preparare la gelatina Bloody Mary mettendo i fogli di gelatina in acqua per reidratrarsi.

Mescolare la passata con il concentrato, la vodka, qualche goccia di limone, sale e pepe e per finire qualche goccia di Tabasco e salsa Worchester (visto che sono salse piccanti iniziate con 4 gocce di ognuna, poi mescolate ed assaggiate, ed eventualmente aumentate secondo i vostri gusti).

Scaldare un cucchiaio di salsa con i fogli di  gelatina strizzati fino a quando saranno sciolti e poi unitela al resto.

Prendete dei bicchierini e metterli inclinati in una teglia con le formine, oppure utilizzate un contenitore vuoto delle uova.

Versare la gelatina di pomodoro nei bicchierini stando attenti a non sporcare il vetro.




Metterli in frigorifero per almeno 1 ora.

Preparare ora la crema di caprino mettendo a bagno il mezzo foglio di gelatina in acqua fredda, lavorare il formaggio con una forchetta  con poco sale e una grattata di pepe bianco. 

Scaldare in un pentolino un cucchiaio di latte e sciogliere la gelatina e poi unirla alla crema di formaggio.


 
Riprendere i bicchierini e riempire la metà che sarà rimasta libera con la crema di formaggio. 


 
Conservare in frigorifero fino al momento di servirlo.

Decorare prima di mangiare con pomodorini, foglie di basilico e un pezzetto di cracker.




E’ un antipasto fresco e leggermente piccante, delizioso per i buffet estivi.


 

 

giovedì 7 giugno 2018

BUSLAN ovvero LA CIAMBELLA PIACENTINA




E’ un dolce tradizionale di Piacenza, che le nostre nonne preparavano utilizzando come stampi una classica teglia con in mezzo uno scodellino rovesciato per formare il buco, oppure,  quando erano a corto di recipienti,  dei coperchi rovesciati.

Ha una consistenza rustica e asciutta ed è per questo che veniva offerta a fine pasto accompagnata da un bicchiere di vino bianco per intingerla.

Ottima anche a colazione perché favorisce l’inzuppo.




 
INGREDIENTI

-400 grammi di farina bianca 0
-180 grammi di zucchero
-100 grammi di burro
-3 uova
-1/2 bicchiere di latte o vino bianco (io metà e metà)
-1 bustina di lievito
-la buccia di 1 limone grattugiato
-1 pizzico di sale
-burro e pane grattato per spolverare lo stampo
-50 g di mandorle tritate grossolanamente – 2 cucchiai di zucchero in granella – 1 cucchiaio di zucchero semolato per la guarnitura



Accendere il forno a 170°.

Mettere in planetaria o in un robot da cucina, oppure in una  capiente ciotola  la farina, il burro sciolto e poi lasciato raffreddare,  lo zucchero, i tuorli d’uovo, un pizzico di sale, la scorza del limone e la bustina del lievito, impastare gli ingredienti e poi versare a poco a poco il latte o il vino fino a formare un impasto piuttosto denso.



Lavorare bene l’impasto e poi versarlo in uno stampo da ciambella ben imburrato e spolverato con pane grattato fine.



Versare sull’impasto lo zucchero semolato e in granella e le mandorle tritate.




Se volete una copertura ancora più golosa impastare 2 cucchiai di farina di mandorle, 1 cucchiaio di zucchero a velo e un poco di albume d’uovo. Aggiungere le mandorle tritate. Versare sull’impasto e poi aggiungere lo zucchero in granella.



Infornare a 170° per 30/35 minuti (fate la prova stecchino prima di togliere dal forno).



Ottima a colazione inzuppata nel latte, servita a fine pasto da intingere in un bicchiere di Malvasia di Candia, oppure golosissima accompagnata da una tazzina di zabaione sia caldo che freddo (la ricetta la trovate QUI).