venerdì 29 settembre 2017

GNOCCO FRITTO




Lo gnocco fritto è un piatto tipico emiliano che solitamente viene servito come antipasto e si accompagna ai salumi ed ai formaggi teneri. A seconda delle zone viene chiamato gnocco fritto, torta fritta, crescentina, ecc. e la ricetta modenese  non prevede l’utilizzo del lievito.



INGREDIENTI
(per 4 persone) 

-250 g di farina 0
-15 g di lievito di birra fresco
-30 g di strutto morbido
-3 pizzichi si sale fino
-La punta di un cucchiaino di zucchero
-90 ml circa di acqua appena tiepida


Impastare 2 cucchiai di farina con lo zucchero, il lievito sbriciolato e un poco di acqua fino ad avere una pastella molto morbida (lievitino).

Coprire con pellicola da cucina e lasciare lievitare per circa 30 minuti.


Mettere in una ciotola (o nell’impastatrice) la restante farina con il sale, lo strutto e il lievitino, impastare  aggiungendo acqua a sufficienza fino a formare un panetto morbido.

Mettere l’impasto in una ciotola infarinata, incidere a croce e lasciare lievitare nel forno spento con la luce accesa fino al raddoppio.


Togliere dal forno e stendere la pasta con un mattarello fino all’altezza di pochi mm.


Tagliare a rombi e friggere in olio di arachidi molto caldo, pochi pezzi alla volta, fino a doratura.
Nell’olio ho aggiunto qualche cucchiaio di strutto.


L’ho servito ben caldo accompagnato dai salumi tipici piacentini: salame DOP, pancetta DOP e coppa DOP per saperne di più leggi questo interessante articolo.




2 commenti:

  1. Da svenimento!!!!!! Mi hai messo una fame che ci vedo doppio :-))
    Bravissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Dany, sei sempre gentilissima!!

      Elimina