sabato 27 gennaio 2018

CROSTATA MARMELLATA E MELE DI ANNA DEL CONTE PER IL CLUB DEL 27




Il Club del 27 da questo mese in poi realizzerà ricette tratte da libri di cucina, una nuova sfida perché non si replicheranno più  ricette provate e collaudate dalle amiche del MTC Challenge, ma si lavorerà su nuove.

I libri che verranno scelti però sono dei must nel loro genere,  come quello scelto questo mese della Signora Sarah Randell “Marmelade a bittersweet cookbook” ovvero ricette per realizzare marmellate e cucinare con esse.

Quindi la sfida di questo mese consisteva nel preparare una marmellata di agrumi tra quelle del libro e poi utilizzarla in una ricetta di Sarah Randell tra le 18 scelte dal team dell’MTC.

Ecco come è nata la mia Anna del Conte’s marmalade and apple crostata.




INGREDIENTI

(per una tortiera da 23 cm circa)

Per la pasta:
-250 g di farina 00 + quella necessaria per stenderla

-100 g di zucchero a velo

-La buccia grattugiata di mezzo limone

-150 g di burro a temperatura ambiente

-1 uovo grande + 1 tuorlo
(da quanto ho potuto constatare, queste dosi vanno bene per una tortiera da 20 cm se volete avere della pasta per fare anche delle decorazioni – per usare una tortiera da 23 cm  ho aumentato le dosi facendo le proporzioni)
 
Per il ripieno:
-100 g di mandorle scottate e pelate

-1 mela aspra (tipo Granny Smith)

-8 cucchiai della vostra marmellata preferita, io ho utilizzato quella di arance dolci e frutto della passione la cui ricetta troverete qui sotto in calce.

-La buccia grattugiata di mezzo limone

-1 uovo piccolo sbattuto per spennellare


Versare la farina in una ciotola, setacciare lo zucchero a velo e aggiungere la buccia di limone e mescolare.

Tagliare il burro a pezzi e aggiungerlo alla farina e con la punta delle dita strofinarlo nella farina e nello zucchero. Sbattere l’uovo e il tuorlo e aggiungerli all’impasto.

Mescolare con un cucchiaio e poi velocemente con le mani fino a formare una palla.

Io ho impastato il tutto velocemente in planetaria con la frusta a K.

Avvolgere l’impasto  in pellicola alimentare e far riposare per almeno 30 minuti in frigorifero.

 

Se volete prepararla il giorno prima, la pasta sarà più friabile una volta cotta, ma occorre riportarla a temperatura ambiente prima di stenderla.

Stendere 2/3 dell’impasto sul piano di lavoro leggermente infarinato e rivestire una teglia da 23 cm, alta 3-4 cm, rifilando i bordi.
 

Cospargere il fondo con le mandorle tritate grossolanamente (io prima le ho leggermente tostate in padella).

Pelare e togliere il torsolo alla mela e grattugiatela, aggiungete la marmellata e la buccia di limone e spalmare nel guscio di pasta, sopra le mandorle (io ho tenuto gli strati separati: mandorle, mela e buccia di limone grattati e infine marmellata).
 

Spennellare i bordi con l’uovo sbattuto e poi utilizzate la pasta rimanente per formare le decorazioni.
Io ho usato degli stampini ad espulsione a forma di foglie, ma vanno benissimo anche le classiche strisce incrociate, spennellare leggermente tutti i decori con l’uovo sbattuto.

 


Mettere la crostata in frigorifero per 20 minuti.

Accendere il forno a 180° ventilato (oppure a 200° statico).

Infornare la crostata posizionandola su una teglia calda (o sulla leccarda del forno) per 35-40 minuti, fino a quando sarà bella dorata.




Sfornarla e lasciarla intiepidire per 20 minuti prima di sformarla.




Chi ne vuole una bella fetta?




Ed ecco la ricetta della marmellata che ho usato per fare la crostata: 




Marmellata di arance e frutto della passione
(per 5 vasetti da 340 g)

-750 g di arance dolci con buccia edibile (io arance tarocco – Scordia /Catania – Cat. I – cal. 7)

-3 limoni con buccia edibile (io femminello primofiore – Siracusa – Cat. I - Cal. 4/5)

-500 g di mele da cuocere tipo Bramley (io golden delicious con la buccia ancora verde)

-650 g di frutti della passione (circa 8 frutti grandi)

-1 Kg di zucchero per marmellate (con pectina) – (io ho aggiunto anche 250 g di zucchero semolato)
 


Lavare tutta la frutta con acqua tiepida e asciugare su un canovaccio.

 

Tagliare e spremere i limoni, sminuzzare le bucce e mettere il tutto (polpa e semi compresi) in una ciotola. Coprire con circa 100 ml di acqua e mettere da parte coperta da pellicola.


In una pentola mettere le arance e coprirle a filo con acqua. 

 
Coprire e portare ad ebollizione e cuocere a fuoco lento fino a quando sarà possibile forarle con un coltellino appuntito (provare dopo 1 ora). Non farle stracuocere, altrimenti sarà difficile tagliarle sottili.

Sbucciare le mele e tagliarle a pezzettini, metterle in un pentolino con 4 cucchiai di acqua e cuocerle a fuoco basso, parzialmente coperte. Cuocerle per circa 15 minuti, fino a quando saranno belle tenere, aggiungendo, se necessario un altro poco di acqua. Schiacciarle con una forchetta e poi tenerle da parte.


Tagliare in due i frutti della passione ed estrarre la polpa che andrà messa in un setaccio e schiacciata fino ad ottenere 125 ml circa di succo.


Togliere le arance dalla pentola e metterle in un piatto fino a quando saranno tiepide, conservando il liquido di cottura. Tagliarle in quattro stando su un piatto per raccogliere tutto il succo e poi tagliarle in striscioline di 3-5 mm,  scartando eventuali semi. 

Metterle poi  in una larga padella antiaderente con il succo che avranno rilasciato al momento del taglio.

Filtrare il succo di limone in un contenitore graduato (schiacciando i limoni con il dorso di un cucchiaino) e aggiungere il liquido di cottura delle arance fino ad arrivare a 750 ml in totale e poi versarlo nella padella con le arance.


Nella stessa padella mettere le mele cotte e lo zucchero e poi mescolare. Cuocere la marmellata a fuoco basso, mescolando fino a sciogliere lo zucchero.


Aggiungere il succo del frutto della passione e portare la marmellata ad ebollizione per 20 minuti o fino a quando avrà raggiunto la giusta densità (fare la prova con un piattino messo in congelatore 10 minuti e poi far scorrere un cucchiaino di marmellata che dovrà addensarsi in pochi secondi). 


Non farla cuocere troppo perché contenendo zucchero con pectina rischia di diventare troppo solida.

Invasarla nei vasetti sterilizzati e caldi dopo averla fatta riposare 10 minuti, chiudere i vasetti e capovolgerli fino a completo raffreddamento.




Dopo 48 ore la marmellata sarà  pronta per farcire la vostra crostata oppure gustata  su una fetta di pane fresco!











Ora non vi resta altro che andare a leggere tutte le ricette delle amiche del team del Club del 27 sulla pagina dell'MTC CHALLENGE


12 commenti:

  1. profumatissima crostata e bellissimi decori!

    RispondiElimina
  2. Milena, l'ho fatta anch'io e la rifarei di nuovo.
    La marmellata è da mangiare a cucchiaiate e la crostata da "aspirare" :))
    Bellissima la decorazione della tua crostata.
    Un bacio

    RispondiElimina
  3. Quelle foglioline sono stupende e la marmellata deve essere super buona! Mi sa che tra poco rifaró la crostata provando questa versione al frutto della passione!!! Buona domenica!

    RispondiElimina
  4. La crostata l'ho fatta anche io ed è davvero molto molto buona! Mi intriga molto anche la tua marmellata, io ho fatto quella di mele e arance, buona anche quella. Complimenti, molto bella la decorazione della tua crostata

    RispondiElimina
  5. Che bella la tua crostata! La marmellata è assolutamente da provare. Grazie e buona domenica

    RispondiElimina
  6. Dovrò provarla assolutamente, è davvero troppo invitante!

    RispondiElimina
  7. Ma che bella esecuzione, complimenti davvero !!

    RispondiElimina
  8. Interessante, non avevo mai visto mescolare così le mele con mandorle e una confettura. L'aspetto è ottimo

    RispondiElimina
  9. Sia la crostata che la marmellata le ho inserite nella lista delle ricette da fare assolutamente... ;)
    Complimenti, la tua crostata è bellissima... :)

    RispondiElimina
  10. Ho fatto esattamente la stessa ricettaaa!! E' piaciuta tanto anche a te, vero?
    :-)

    RispondiElimina
  11. Bellissime decorazioni, complimenti ! La proverò anche io .

    RispondiElimina
  12. che buona che deve essere, certo che la tua è cotta alla perfezione, non per tutti è stato così (dalle foto lo si vede eccome!) Complimenti! bravissima!

    RispondiElimina