giovedì 7 giugno 2018

BUSLAN ovvero LA CIAMBELLA PIACENTINA




E’ un dolce tradizionale di Piacenza, che le nostre nonne preparavano utilizzando come stampi una classica teglia con in mezzo uno scodellino rovesciato per formare il buco, oppure,  quando erano a corto di recipienti,  dei coperchi rovesciati.

Ha una consistenza rustica e asciutta ed è per questo che veniva offerta a fine pasto accompagnata da un bicchiere di vino bianco per intingerla.

Ottima anche a colazione perché favorisce l’inzuppo.




 
INGREDIENTI

-400 grammi di farina bianca 0
-180 grammi di zucchero
-100 grammi di burro
-3 uova
-1/2 bicchiere di latte o vino bianco (io metà e metà)
-1 bustina di lievito
-la buccia di 1 limone grattugiato
-1 pizzico di sale
-burro e pane grattato per spolverare lo stampo
-50 g di mandorle tritate grossolanamente – 2 cucchiai di zucchero in granella – 1 cucchiaio di zucchero semolato per la guarnitura



Accendere il forno a 170°.

Mettere in planetaria o in un robot da cucina, oppure in una  capiente ciotola  la farina, il burro sciolto e poi lasciato raffreddare,  lo zucchero, i tuorli d’uovo, un pizzico di sale, la scorza del limone e la bustina del lievito, impastare gli ingredienti e poi versare a poco a poco il latte o il vino fino a formare un impasto piuttosto denso.



Lavorare bene l’impasto e poi versarlo in uno stampo da ciambella ben imburrato e spolverato con pane grattato fine.



Versare sull’impasto lo zucchero semolato e in granella e le mandorle tritate.




Se volete una copertura ancora più golosa impastare 2 cucchiai di farina di mandorle, 1 cucchiaio di zucchero a velo e un poco di albume d’uovo. Aggiungere le mandorle tritate. Versare sull’impasto e poi aggiungere lo zucchero in granella.



Infornare a 170° per 30/35 minuti (fate la prova stecchino prima di togliere dal forno).



Ottima a colazione inzuppata nel latte, servita a fine pasto da intingere in un bicchiere di Malvasia di Candia, oppure golosissima accompagnata da una tazzina di zabaione sia caldo che freddo (la ricetta la trovate QUI).




3 commenti:

  1. Il buslan non lo batte nessuno. Mi hai fatto venire la voglia :)

    RispondiElimina
  2. mia nonna usava il latte, però se uso il vino bianco risulterà più croccante?
    devo provarlo! fammi sapere se hai sperimentato in merito... :) grazie
    Ha un aspetto magnifico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda Elena, ho provato con solo latte e con solo vino bianco. Ho deciso poi di fare metà e metà. Il latte dona un poco di morbidezza in più e il vino aroma e profumo soprattutto se usi della Malvasia.

      Elimina