venerdì 12 ottobre 2018

TRIPPA COI FAGIOLI ALLA PIACENTINA



Piatto della tradizione povera contadina, per appetiti robusti.

Ottimo piatto ricco di proteine, consumato nei mesi più freddi, negli ultimi anni è stato molto rivalutato, la trippa rientra nella famiglia delle frattaglie, il così detto quinto quarto, le parti meno pregiate il cui consumo risale ai tempi più antichi.

La trippa viene ricavata dalle diverse parti dello stomaco (solitamente dei bovini), ed è povera di grassi, piatto unico e completo.





INGREDIENTI
(per 4 persone)

-1 Kg di trippa mista
-1 cucchiaio di lardo pestato
-1 cipolla grande
-1 spicchio di aglio
-2 gambe di sedano
-3 carote
-qualche rametto di prezzemolo
-1 l di brodo vegetale
-2 foglie di alloro
-2 chiodi di garofano, grani di pepe nero e 2 bacche di ginepro
-1 cucchiaio di farina bianca
-1 bicchiere di vino bianco
-3 cucchiai di salsa di pomodoro
-300 g di fagioli bianchi di Spagna lessati (fagiolane)
-formaggio grana grattugiato per accompagnare


Acquistare la trippa già pulita dal macellaio, sciacquare sotto l’acqua corrente e lessarla in acqua bollente salata con le foglie di alloro, i chiodi di garofano, i grani di pepe e le bacche di ginepro, 1 gamba di sedano, un pezzo di cipolla, 1 carota e la farina  bianca.

Far cuocere per circa 30 minuti, poi scolarla bene, lasciarla intiepidire e  tagliarla a listarelle.

Preparare un trito con l’aglio, la cipolla, il prezzemolo, le carote e il sedano.

Far rosolare in una pentola (preferibilmente di coccio) il trito con il lardo pestato e un poco di olio extra vergine d’oliva, aggiungere la trippa e cuocere a fuoco alto fino a quando la trippa sarà ben asciutta.

Sfumare con il bicchiere di vino bianco e lasciare evaporare, aggiungere la salsa di pomodoro e 2 mestoli di brodo bollente.

Salare e pepare e far cuocere coperta per circa 2 ore, o comunque fino a quando sarà bella tenera,  a fuoco basso aggiungendo poco alla volta il brodo bollente, mano a mano che si sarà asciugato.

Mezz’ora prima di spegnere, aggiungere i fagioli lessati.

Portare in tavola il piatto ben caldo accompagnato da grana grattugiato servito a parte.




1 commento:

  1. Che buona! E via a "pucciare" del pane buono ;)
    Un bacio

    RispondiElimina